Grazie alla disponibilità della dott.ssa Silvia Giamberini, ai servizi già in essere presso le strutture della Fondazione nelle prossime settimane andrà ad aggiungersi la Ecografia Morfologico-Strutturale, esame ecografico praticabile tra la ventesima e ventitreesima settimana della gestazione.

È un esame solitamente non invasivo poiché si effettua come una normale ecografia; serve non solo a valutare la struttura fetale al fine di scoprire o escludere eventuali malformazioni, ma fornisce anche molti dettagli sul feto:

– stabilisce se il feto è maschio o femmina,
– valuta le dimensioni del feto e la statura (la cosiddetta “biometria fetale”), attraverso la lunghezza del femore,
– stabilisce l’esatta data di inizio della gravidanza e valuta se la crescita del bambino è conforme al periodo di gestazione (parametro utile per stabilire se la crescita del feto avviene in maniera normale o se vi è un ritardo nella crescita),
– valuta la qualità della placenta e del liquido amniotico,
– vede se il collo dell’utero è nella norma, al fine di definire eventuali dilatazioni che possono portare a parto prematuro,
– valuta il peso del feto attraverso le misure del cranio e le circonferenze addominali,
– valuta lo stato di salute e di sviluppo degli organi del feto.

Per ulteriori informazioni e per prenotazioni rivolgersi alla Segreteria della Fondazione.